• Redazione

Cose da fare prima del matrimonio

Ovvero i patti prematrimoniali



Sempre più coppie, qualche minuto prima di pronunciare il fatidico “sì”, chiamano il proprio avvocato di fiducia per chiedere se sono ancora in tempo - non per lasciarsi - ma per sottoscrivere un accordo prematrimoniale.


Secondo una recente indagine (Fonte: Associazione Donne e qualità della vita), su 541 coppie ben il 64% ha mostrato curiosità verso questi accordi; la curiosità diventa interesse quando a rispondere sono le coppie under 30 mentre diminuisce al 55% per le over 30.

Come mai questo diffuso interesse?


Vediamo insieme di che cosa si tratta e quanto possono esserci utili.


Secondo una recente proposta di legge, sarà possibile determinare i rapporti patrimoniali della coppia prima ancora che si giunga all’altare soprattutto in vista di una fase di crisi del rapporto, quindi in caso di separazione e divorzio.

Nel caso in cui questa proposta di legge dovesse essere approvata, i fidanzati (ossia chi non è ancora coniugato) potrà ad esempio stabilire che, in caso di cessazione del rapporto di matrimonio, uno versi all’altro una determinata somma di denaro o che gli (o le) riconosca un diritto di usufrutto su di un immobile.


Si potrà stabilire in anticipo la destinazione della casa coniugale o la divisione dei beni nel caso in cui i coniugi dovessero separarsi; in sostanza il fine di questo genere di patti è pensare, decidere e stabilire quello che poi viene determinato nell’accordo di separazione e nella sentenza di divorzio.


Infatti nella sede giudiziaria, il giudice, terrà in considerazione il contenuto degli accordi prematrimoniali e li inserirà all’interno della sentenza.


Per questo motivo, la proposta di legge richiede che i contratti prematrimoniali siano redatti mediante atto pubblico alla presenza del notaio alla presenza di due testimoni o attraverso una convenzione di negoziazione assistita da uno o più avvocati.


Il notaio o l’avvocato, in qualità di pubblico ufficiale, avrà l’onere di verificare la legittimità delle clausole del patto e la loro conformità alla legge, all’ordine pubblico e al buon costume; è, ad esempio, nulla la condizione inserita nel patto che preveda il divieto di future nozze per il coniuge fedifrago. Il patto potrà essere modificato sempre nelle stesse forme con le quali è stato redatto.

É evidente il vantaggio, anzi i vantaggi dei patti prematrimoniali.


Innanzitutto, vi è una notevole riduzione dei costi legati alle parcelle degli avvocati e spese di eventuali giudizi. Inoltre, la predisposizione delle determinazioni patrimoniali viene svolta in assoluta serenità e non nel momento di crisi della coppia come invece avviene in fase di separazione e divorzio.


#matrimonio #patrimonio #accordo #patto #pianificazione

0 visualizzazioni

TORINO

CORSO FIUME 2

 

011-6605068

MILANO

PIAZZALE BIANCAMANO 8

02-30316834

Chi siamo

Siamo una "boutique legale" specializzata in diritto tributario e diritto ereditario con un focus sulle successioni internazionali, passaggio generazionale delle imprese e strumenti di pianificazione patrimoniale.

 

Read More

 

© 2019 Protezione Patrimoni | S.L.TDM 11669410018 | info@protezionepatrimoni.it

Unisciti alla nostra
Mailing List
  • Bianco YouTube Icona
Protezione Patrimoni